Posturoterapia neurosensoriale – Dolori neurogeni e neurostimolazioni manuali

A cura di
Gianni Bazzani1 e Sergio Rocco2

1.Fisioterapista, Posturologo, Brescia
2.Osteopata, Posturologo, Milano

di Philippe Villeneuve1, Thierry Mulliez2, Frédéric Viseux3

1.Osteopata, Podologo, Posturologo. Presidente dell’Associazione di Posturologia Internazionale (API)
2.Medico, Osteopata, Vicepresidente dell’Associazione di Posturologia Internazionale
3.Podologo, Osteopata, Presidente della Sezione di Posturoterapia Neurosensoriale Internazionale

INTRODUZIONE

Abbiamo chiesto a Gianni Bazzani e Sergio Rocco di tradurre per noi gli articoli più interessanti tratti da “La Revue de l’Ostéopathie”, la famosa rivista francese che pubblica spesso articoli sulla posturoterapia neurosensoriale, scritti da esperti come Villeneuve, Mulliez e Viseux, i quali saranno presto in Italia con i loro corsi.

Qui di seguito trovate una breve presentazione che ci introduce all’argomento e un riassunto dell’articolo “Apporto del trattamento manuale nel dolore cronico. Dall’empirismo alle neuroscienze” di P. Villeneuve, che trovate completo sul nostro sito.

POSTUROTERAPIA NEUROSENSORIALE (La Revue de l’Osteéopathie)

Dolori neurogeni e neurostimolazioni manuali

Il dolore neurogeno e le disfunzioni neurali meritano l’interesse dei terapisti manuali perché cronicizzano frequentemente e comportano differenti adattamenti posturali i quali, a loro volta, sono punto di partenza di dolori a distanza.

Le neurostimolazioni utilizzate in Posturoterapia Neurosensoriale (PNS) permettono una modulazione dei meccanismi coinvolti nei fenomeni dolorosi, e più in particolare:

  • dolori neuropatici, provocati da lesioni che coinvolgono una via o un centro nervoso, di origine traumatica (compressione canalare, stiramento neurale o neurodinamico da distorsione, accidente vascolare, virale tipo herpes, metabolico come nel caso del diabete ecc.);
  • dolori collegati a disfunzioni, senza lesioni tissulari apparenti (fibromialgia, cefalee croniche, sindrome del colon irritabile ecc.) e che sembrano derivare da un difetto di modulazione centrale dei messaggi nocicettivi.

La diagnosi e la terapia manuale che la PNS propone si basano soprattutto su questi due ultimi tipi di dolore, caratterizzati da due aspetti: la cronicità e l’interrelazione con il sistema posturale. Il protocollo PNS si basa principalmente su:

  • un test posturale, la prova posturo-dinamica (Villeneuve Ph., 1995), mediante la quale vengono identificate e mappate le zone di ipertonia muscolare: localizzate, lateralizzate o generalizzate;
  • la relazione nervo-territorio, che permette di localizzare il/i nervo/i che si trovano in uno stato di ipereccitabilità;
  • un gesto terapeutico manuale: la saturazione neurale, completata da una siderazione muscolare, per normalizzare la disfunzione neurale.

Descriveremo l’applicazione di questo protocollo a certe patologie, sottolineando i differenti rapporti neurali che stanno alla base di questi disturbi.

Nei prossimi numeri della rubrica verranno trattati questi argomenti:

  1. le cefalee tensive, le emicranie e la loro relazione con il plesso cervicale e il nervo trigemino;
  2. i dolori cervico-brachiali e la loro relazione con il plesso brachiale;
  3. le disfunzioni ventilatorie e i dolori toracici e la loro relazione con i nervi frenico e costali;
  4. la lombalgia e la lombosciatalgia in relazione con l’innervazione discale e il plesso sacrale;
  5. i dolori perineali in relazione con il nervo pudendo e il plesso lombare.

Queste proposte cliniche e terapeutiche permetteranno ai terapisti manuali di scoprire la Posturoterapia Neurosensoriale e di acquisire nuovi strumenti diagnostici e terapeutici nel trattamento dei dolori neurogeni.

Bibliografia

  1. Bouhassira D,Lantéri Minet M, Attal N et al. Prevalence of chronic pain with neuropatich characteristics in the general population. Pain 2008;136 (3);380-7.
  2. Thouret MA. Mémoire sur l’affection particulière à la quelle on a donné le nom de tic douloreux. Société Royale Med 204-256; 1782-83.
  3. Valleix FL. Traité des névralgie. Paris; JB Bailliére; 1841.
  4. Romberg MH. Lehrbuch der Nervenkheiten des Menchen. Berlin (Deutshland) : Duncher; 1840-1846.
  5. Laségue C. Considerations sur la sciatique. Arch Gen Med 1864;2;558-80.
  6. Cotugno D. De ischiade nervosa commentarius. Viennae, Apud Rudolphum Graffer; 1770.
  7. Shacklock M. Clinical Neurodynamics: a new system of musculoskeletal treatment. Oxford (UK): Elsevier; 2005.
  8. Kleinrensik GJ, Stoeckart R, Meulstee J et al. Lowered motor conduction velocity of the peroneal nerve after inversion trauma. Med Sci Sports Exerc 1994;26(7):877-83.
  9. Neri V. La flessione del capo nella sciatica. Bologna; 1916.
  10. Tinel J. Les blessures des nerfs. Sémiologie des lésion nerveuses péripheriques par blessures de guerre. Paris: Masson; 1916.
  11. Trombetta F. Sullo stiramento dei nervi. Messina: Frat d’Angelo; 1880.
  12. Hurd EP. A treatise neuralgia. Detroit (MI): GS Davis; 1890.
  13. Still AT. Osteopathy, research and practice. Kirksville (MO): Published by the Author; 1897.
  14. Barber ED. Osteopathy complete. Hudson: Kimberly; 1898.
  15. Riggs WL. A manual of osteopathic manipulations and treatment. Elkhart, IN, New Science; 1901.

Be the first to comment

Leave a Reply